Mettersi in proprio con una gelateria!

A molti piace, e dà sicurezza e tranquillità, ma non per questo un lavoro d’ufficio , o in fabbrica, deve essere obbligatoriamente l’impiego perfetto per tutti quanti.. Per molte persone, infatti, avere un rapporto umano vivo e continuativo durante la propria giornata lavorativa è molto importante; e per alcune di loro, inoltre, è sorgente di grande soddisfazione appagare un impulso interiore ad una creatività, se non obbligatoriamente di tipo artistico, di sicuro di genere artigianale, che porti a creare qualcosa con le proprie mani – cosa difficile da fare in un ufficio.

Fra le tante attività che è possibile intraprendere per sposare l’ovvia necessità di un reddito soddisfacente con la soddisfazione legittima di tali desideri di cambiamento, una sta acquisendo, specie nel nostro paese, una certa prominenza: la decisione di aprire una gelateria, o anche una yogurteria.Non c’è dubbio che fare una scelta di questo tipo, e abbandonare un lavoro d’ufficio – a qualsiasi livello esso fosse – per passare a fare il gelataio, costituisca un significativo cambio di prospettiva, e generi dei cambiamenti profondi sia nella propria quoditianità che da un punto di vista economico.

Possiamo precisare che, più di altri tipi di lavoro nell’ambito della ristorazione, la gestione di una gelateria combina da un lato, come dicevamo poche righe fa, la gratificazione, per non dire addirittura il piacere, di svolgere nella quotidianità un lavoro molto indipendente, dove si è unici capi di se stessi, e anche creativo, coinvolgente, con un significativo grado di manualità, e dall’altro la possibilità di fare un investimento valido ed apprezzabile sotto il profilo economico. La marginalità legata ad una gelateria, infatti, è certamente significativa: le materie prime sono economiche, e il prodotto finito offre ricavi di tutto rispetto.

Inoltre, il che forse è perfino più attraente, in una gelateria si vende un prodotto che piace praticamente a tutti, e che per molti mesi all’anno viene consumato da persone di tutte le età, anche durante una semplice camminata: basti pensare alla semplicità con cui, in estate, si decide di passare a comprare un gelato, o al modo in cui, sempre, l’apertura di una nuova gelateria vede folle di curiosi (e di golosi!) assieparsi per assaggiare la produzione.

Anche le Yogurterie, che sono ben più rare nel nostro Paese, presentano punti di attenzione significativi: innanzitutto la ridotta competizione, poi il richiamo della moda, soprattutto per i molto giovani, presso i quali il frozen yogurt ha tutte le carte in regola per diventare un prodotto di tendenza. Com’è naturale, questo lavoro, come tutti, prevede anche delle complicazioni e delle criticità: non è senza dubbio un’occupazione senza pensieri, o senza difficoltà.

Anzi: come tutte le attività indipendenti, è soprattutto inizialmente, prima ancora dell’apertura, che si presentano le maggiori possibilità di sbaglio, quando devono essere prese quelle mille decisioni da cui, in modo che è spesso arduo da anticipare, dipenderà il successo reale della gelateria stessa. Proprio per questa ragione, chi volesse aprire una gelateria, soprattutto se alla prima esperienza, farebbe sicuramente cosa saggia a non gettarsi a capofitto nell’impresa, ma a cercare il sostegno e la consulenza di una fra le molte agenzie specializzate in aperture di questo tipo, capaci di consigliare al meglio riguardo alle scelte, dall’ubicazione agli arredi ai macchinari, che tanto si riveleranno importanti per il buon andamento della propria attività.